Il Vanitoso COPPI sul Golosario

Nuovo prestigioso riconoscimento per il Vanitoso delle Cantine COPPI presente sul Golosario.  Questo il commento presente sulla rivista Enogastronomica diretta da Paolo Massobrio  ” Nel bicchiere il Gioia del Colle Primitivo Riserva 1999. Rosso granato profondo, con sottili riflessi mattone, al naso si propone con note di frutta matura e confettura, sentori di prugna e liquirizia, fine speziatura. Caldo e di notevole struttura, ha sorso vellutato, armonia,  lunga persistenza”.

Cos’è il Golosario

E’ il più grande archivio di produttori, negozi, oleifici, cantine, ristoranti, hotel e ricette italiane. Se cerchi qualcosa sulla Cultura alimentare italiana lo trovate solo su Il Golosario.it.

Il Vanitoso e le sue mille virtù

Vanitoso Vino Primitivo di Gioia Del Colle D.O.C. Riserva è l’emozione di un vino che già nel calice ha un suono cristallino e invitante, ammalia allo sguardo, coinvolge con un ampio corredo olfattivo e, all’assaggio, invita a nuovi sorsi. E’ il più premiato, ed amato, della pregiata collezione di vini Coppi.

Gradazione alcolica: 14°

Annata: 2001

Premio Principale: VANITOSO Primitivo Gioia del Colle D.O.C. 1999 Riserva: Diploma di Gran Medaglia d’oro al Concorso Internazionale Vinitaly 2006, sezione vini rossi fermi con almeno 6 anni di invecchiamento.

Vitigno: Primitivo di Gioia del Colle 100%
Zona di produzione: contrada Marchione, Castellana (BA), Puglia – Italia
Sistema di allevamento: a spalliera
Resa per ettaro: circa 30-40 quintali
Anno di impianto: reimpiantata negli anni ’80, laddove c’era già la vigna dall’inizio del 1900
Vendemmia: a mano, da uve di produzione aziendale con rigorosa selezione dei grappoli in vigna
Vinificazione: con altrettanta attenzione l’uva è verificata e nuovamente selezionata in cantina, dove viene quindi pigiata e diraspata, inviata in vinificatori per la fermentazione alcolica sulle bucce.
Affinamento: Il vino riposa per 18 mesi in botti di rovere di Slavonia, solitamente di secondo passaggio, da 50 hl. Segue un ulteriore affinamento di 6 mesi in barrique francese (tostatura media) da 225 lt, e minimo 4 anni in bottiglia